Quest’anno l’influenza non finisce

Martedì, 13 Marzo 2018

Complici le stranezze del meteo nelle ultime settimane, l’influenza stagionale sembra aver messo radici in Italia e non vuole andarsene. A spiegare i motivi del fenomeno è Fabrizio Pregliasco dell’Università di Milano: “Possiamo affermare che questa stagione influenzale al momento è 'congelata' e non sta vedendo scendere il numero di nuovi casi di malanni: questa settimana se ne registrano almeno 300.000, e altrettanti 300.000 italiani sono finiti a letto per colpa di sindromi parainfluenzali. Questo a causa del grande freddo della scorsa settimana e dell'enorme sbalzo di temperatura".
 
 
 
E in effetti, dopo il grande freddo e la neve, a Roma i termometri hanno segnato 18 gradi centigradi, mentre al Sud si è arrivati a 20.  
"Si è fermato - osserva l'esperto - il calo di casi di influenza stagionale, con, appunto, 300 mila italiani colpiti in una settimana; in più abbiamo un'altra quota simile di casi simil-influenzali, meno pesanti, ma che durano di più nel tempo: febbricola, mal di gola, tosse che si protrae anche per molti giorni. L'influenza invece rimane molto intensa, con febbre alta, forti dolori alle ossa e altri sintomi che vanno trattati, come al solito, con farmaci di automedicazione. Così come le sindromi più leggere".

Autore

Sperelli

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito