Epatite, alcuni casi dovuti alla curcuma

Martedì, 14 Maggio 2019

Alcuni integratori a base di curcuma avrebbero giocato un ruolo nell’insorgenza di due casi di epatite acuta che si sono poi risolti positivamente.


A sostenerlo è l’Istituto Superiore di Sanità, che evidenzia la probabile responsabilità degli integratori della ditta NI.VA di Destro Franco & Massetto Loretta S.N.C con sede legale in via Padova 56, Vigonza (PD), prodotti dallo stabilimento FRAMA S.R.L. sito in via Panà 56/A, Noventa Padovana (PD). I prodotti sono: Curcumina Plus 95% lotto di produzione 18L823 scadenza 10/2021; Curcumina 95% lotto di produzione 18M861 scadenza 11/2021.
Gli integratori avrebbero causato un’epatite acuta colestatica in due pazienti, poi curati con successo.
Ora le autorità competenti indagheranno a fondo per accertare le reali responsabilità, ma nel frattempo la ditta ha già avviato il ritiro dei due prodotti.

Non sei iscritto, partecipa a Okmedicina!

Autore

Eleonora

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito