Borotalco killer, nesso con il mesotelioma

Venerdì, 13 Aprile 2018

Il celebre Borotalco è al centro di una causa legale milionaria intentata e vinta dal 46enne Stephen Lanzo, colpito da un mesotelioma che sembrerebbe essere insorto proprio a causa del prodotto della Johnson & Johnson.
 
 
 
Per oltre 30 anni, Lanzo ha dichiarato di essersi servito del Borotalco. Una serie di studi ha affermato l’esistenza di un nesso fra l’uso del talco e l’insorgenza del mesotelioma. Il legame sembra dovuto al fatto che il talco è un minerale che spesso si trova nei pressi di miniere di amianto, con il conseguente rischio di contaminazione. La scorsa settimana una giuria aveva stabilito in circa 25 milioni di euro il risarcimento nei confronti di Lanzo, ma una seconda giuria ora ha quasi quadruplicato la somma (95 milioni) che Johnson & Johnson e l’azienda fornitrice del minerale (Imerys Talc) dovranno versare.  
Secondo i giudici, entrambe le aziende erano a conoscenza dei rischi di contaminazione del minerale estratto, ma non hanno fatto nulla per avvertire del pericolo i clienti.

Autore

Sperelli

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito