Una megabanca dati genetica per sconfiggere cancro e diabete

Giovedì, 11 Ottobre 2018

La potenza di calcolo salverà il mondo. Almeno è quanto prova a fare la UK Biobank, un’enorme banca dati genetica che intende rivoluzionare l’approccio alle malattie più comuni: cancro, diabete, malattie cardiovascolari.
Per farlo, i ricercatori del Wellcome Centre for Human Genetics e di altri istituti dell'Università di Oxford hanno raccolto i dati genetici e fenotipici di ben 500mila persone. Avevano tutte un'età compresa tra i 40 e i 69 anni al momento del reclutamento.

 


La UK Biobank si distingue da esperienze simili in base alla ricchezza, alla qualità e alla trasversalità delle informazioni contenute.
Tutti i partecipanti hanno donato campioni di urine, sangue e saliva grazie ai quali è stato sequenziato il loro genoma. I ricercatori hanno ottenuto ben 800mila marcatori genetici dal DNA dei partecipanti.
L’intero sequenziamento si sarebbe tramutato in un’impresa molto lenta e costosa, quindi le parti mancanti sono state ricavate grazie a una raffinata intelligenza artificiale.
Inoltre, i volontari hanno dato accesso alle proprie cartelle cliniche e riempito questionari sullo stile di vita. Una buona percentuale ha anche permesso ai ricercatori di seguire l’evoluzione del proprio stato di salute nel corso degli anni.
L’incrocio di tutti questi dati offre ai medici un quadro molto dettagliato dei geni coinvolti nello sviluppo delle malattie e dei meccanismi che ne sono alla radice.
Gli scienziati guidati dai professori Jonathan Marchini, Peter Donnelly, Samantha Welsh e Rory Collins, principali artefici del progetto descritto su Nature, hanno garantito l'accesso alla UK Biobank a team di ricerca di tutto il mondo, il che potrebbe facilitare la messa a punto di scoperte rivoluzionarie nella lotta al cancro e alle altre malattie.U

Autore

Sperelli

Tour del sito