Il cancro al seno si può “sciogliere”

Lunedì, 11 Giugno 2018

Prima dell’intervento chirurgico si può agire nei confronti del cancro del seno attraverso una veloce puntura sottocutanea in grado di ridurre la massa tumorale e in molti casi di “scioglierla” completamente.

 


L’Istituto Nazionale Tumori Pascale di Napoli ha sperimentato per la prima volta due farmaci biologici uniti in una nuova formulazione che viene introdotta nell’organismo con una semplice puntura. Michelino de Laurentiis, direttore dell’Oncologia senologica del Pascale, commenta: "Abbiamo unito due anticorpi monoclonali in una sola iniezione di pochi minuti, e questa nuova formulazione è una novità assoluta mondiale. Viene somministrata, in pazienti con tumore HER 2 positivo, prima dell'intervento vero e proprio e riduce nel 95% la massa. Addirittura nel 70-80% dei casi riesce a farla sparire del tutto".
I due farmaci combinati sono il Trastuzumab e il Pertuzumab. A trarre benefici dall’approccio sono però soltanto le donne colpite da cancro al seno di tipo HER 2 positivo, che rappresenta all’incirca il 20% dei tumori mammari diagnosticati ogni anno in Italia.

Autore

Sperelli

File disponibili

Nessun file caricato

Tour del sito