Leucemia's Members

  • anna33

    anna33

    Mio figlio ha 14 anni, e da 4 anni a questa parte, si lussa spesso la rotula destra. Il medio ci ha fatto fare la Risonanza Magnetica. Il referto dice che: la rotula è in ipertensione esterna in quadro si displasia trocleare con alterazione di segnale e morfostrutturale dell'inserzione del legamento alare mediale compatibile con lesione in esiti di lussazione. Cosa possiamo fare? Per caso si fanno interventi? Oppure si mettono protesi?
    Per favore se mi potrebbe rispondere. Grazie
    In fede.

  • Antonio

    Antonio

    Mi ha detto il Mio diabetologo che il victoza non è più concedibile ai diabetici e dovrà essere comprato, volevo sapere se è vero, ho letto nel foglietto che lo stesso si associa ad antidiabetici orali metformina etc, si puo usare in associazione al levemir ?

  • Astrid2014

    Astrid2014

    Il tumore al polmone non a piccole cellule è la terza neoplasia per incidenza a livello nazionale.
    Oggi nella lotta al tumore al polmone abbiamo un’arma in più e consente una lunga sopravvivenza: immunoterapia e la target therapy, che aggrediscono soltanto le cellule tumorali
    Con i nuovi farmaci e le nuove terapie, per gli ammalati di cancro al polmone si presentano ''ricette alternative'' alla chemioterapia.

  • curateipsum

    curateipsum

    Saluti a tutti i membri del sito! Buongiorno

  • Dott. Febo Artabano  ( Dietologo Nutrizionista, Psicologo Psicoterapeuta, Sessuologo, Ipnologo )

    Dott. Febo Artabano ( Dietologo Nutrizionista, Psicologo Psicoterapeuta, Sessuologo, Ipnologo )

    La mia missione consiste nel facilitare ai miei Pazienti l'ambita e utopistica FELICITA intesa nel perseguire i propri SOGNI in piena LIBERTA e in pace con la propria COSCIENZA.

  • dott. Matteo Simone psicologo (Roma)

    dott. Matteo Simone psicologo (Roma)

    Contatti: 21163@tiscali.it 3804337230 www.psicologiadellosport.net

    Psicologo clinico e di comunità, psicoterapia della Gestalt, terapeuta E.M.D.R. (Eye Movement Desensitization and Reprocessing).
    Master Interuniversitario di Psicologia dello sport - Università degli Studi di Roma “Foro Italico”.
    Master in Ipnosi Ericksoniana - Scuola Italiana di Ipnosi e Psicoterapia Ericksoniana.
    Corso di Meditazione Vipassana come insegnata da S.N. Goenka nella tradizione di Sayagyi U Ba Khin presso il Centro di Meditazione Vipassana Dhamma Atala Europa di Marradi.
    Psicologo dell’emergenza del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta e dell’Ordine degli Psicologi del Lazio.
    Corso SAT 1” e “SAT 2” sulla Psicologia degli Enneatipi mirato al processo di auto-conoscenza personale condotto e coordinato dal Dr Claudio Naranjo.
    Specializzato in disturbo post traumatico da stress, dipendenze, promozione del benessere psico-fisico emotivo e relazionale, potenziamento delle risorse di autoefficacia e competenza.
    Svolgo attività di supporto psicologico con pazienti affetti da gravi patologie, con le vittime di eventi traumatici e loro familiari.
    Sport praticati: podismo, capoeira, ultramaratone.
    Articolista ed autore dei libri:
    Doping Il cancro dello sport, Edizioni Ferrari Sinibaldi, Milano, 2014
    O.R.A. Obiettivi, Risorse, Autoefficacia. Modello di intervento per raggiungere obiettivi nella vita e nello sport, Edizioni ARAS, Fano, 2013.
    “Psicologia dello sport e dell’esercizio fisico. Dal benessere alla prestazione ottimale”, Sogno Edizioni, 2013.
    "Psicologia dello sport e non solo", Aracne editrice, Roma, 2011.
    www.ibs.it/libri/simone+matteo/…

  • dott. Perrone (Ortopedia e Traumatologia)

    dott. Perrone (Ortopedia e Traumatologia)

    Epicondilite. Il trattamento chirurgico. Dr Vinicio Perrone

    Termine usato per indicare l’infiammazione dell’inserzione dei tendini estensori della mano. La terapia infiltrativa con acido ialuronico è spesso efficace. Nei casi resistenti, la terapia chirurgica consiste nel detendere l’inserzione dei muscoli epicondilari attraverso un’incisione a T dell’aponeurosi seguita da alcune perforazioni dell’osso al fine di farlo sanguinare e favorire i processi di guarigione.
    Il video illustra le principali fasi ell'intervento chirurgico.
    Per informazioni: www.vinicioperrone.com

  • Dott.ssa Laura Pacelli

    Dott.ssa Laura Pacelli

    Il decadimento cognitivo è una condizione comune a tutti gli esseri umani con l’avanzare dell’età, ma in senso strettamente clinico definisce la comparsa di una difficoltà in uno o più domini cognitivi, come il linguaggio, l’ attenzione, la memoria, o l’abilità nello svolgere le mansioni quotidiane. , tale però da non compromette le normali e quotidiane attività.
    Nei casi lievi, il soggetto si rende conto di essere meno brillante che in passato nel portare a termine compiti complessi, o di avere bisogno di tempi più lunghi per gestire la propria quotidianità. Come avviene per i muscoli o le articolazioni , anche la mente può essere tenuta in allenamento, attraverso attività adatte soprattutto a stimolare la motivazione, e a implementare l’utilizzo di strategie compensative, ricordando sempre che la plasticità del sistema nervoso è capace di compiere vere meraviglie.

  • Dott.ssa Luna Sifrani (Diabetologa)

    Dott.ssa Luna Sifrani (Diabetologa)

    Mi fa piacere condividere con tutti questa informazione , mi hanno chiesto riguardo l'utilizzo del monitoraggio in Flash della glicemia meglio conosciuto come Free Style Libre , purtroppo devo informarvi che il sistema non è rimborsabile dal servizio sanitario nazionale per cui uso e acquisto sono completamente a carico del paziente.
    Per poter acquistare il dispositivo è necessario registrarsi al sito della ABBOTT e inviare una mail con la richista d'acquisto.
    Non ci sono ancora indicazioni terapeutiche a livello pediatrico , ma il sistema viene utilizzato senza problemi da molti professionisti nei bambini senza alcun problema.

  • Maristella

    Maristella

    Trieste, corso-convegno: "Conosciamo la disabilità", dal 17 febbraio al 16 giugno 2018; introduce e modera gli incontri: Dr Generoso Petrillo.
    NB: Iscrizioni entro il 31 gennaio 2018

    Si terrà presso l'Università di Trieste nelle giornate del 17 febbraio, 10 marzo, 14 aprile, 12 maggio e 16 giugno 2018 il corso-convegno "Conosciamo la disabilità" destinato alle famiglie, agli enti del terzo settore ed ai professionisti dell'aiuto.
    Parlare di disabilità, significa anche promuovere percorsi generativi di formazione e informazione all'interno di un panorama culturale, sociale e normativo profondamente modificato ed evoluto.

    age:d_flagship3_messaging;ItT8jYVzTMmCz7M875QaAA">www.triesteabile.it/…==

  • Massimo Douglas Zacco

    Massimo Douglas Zacco

    Tumore alla prostata:
    “face to face” tra eccellenze europee e italiane
    dell’oncologia e dell’urologia
    Un seminario interattivo organizzato da Sanofi Genzyme a Milano lo scorso 12 febbraio, ha fatto il punto su ricerca e trattamento a beneficio di 35 giovani oncologi specializzati nella patologia , una giornata di confronto, scambio e condivisione di conoscenze ed esperienze cliniche.
    Il seminario , tramite un format interattivo e workshop pratici, ha dato anche la possibilità a 35 giovani oncologi specializzati di scambiare conoscenze e opinioni sull'argomento.

  • prof. dott. Siravo (Oculistica)

    prof. dott. Siravo (Oculistica)

    STRATO DUA CORNEALE NUOVA SCOPERTA E SUE IMPLICAZIONI TERAPEUTICHE
    www.medimagazine.it/scoperto-un-nuovo-strato-nella-cornea-umana/

    Scoperto un nuovo strato nella cornea umana
    Più informazioni su: cornea, strato del dua

    Gli scienziati dell’Università di Nottingham hanno scoperto uno strato precedentemente non rilevato nella cornea, la finestra trasparente nella parte anteriore dell’occhio umano.

    La svolta, annunciata in uno studio pubblicato sulla rivista accademica Oculistica , potrebbe aiutare i chirurghi a migliorare notevolmente i risultati, in pazienti sottoposti a trapianti corneali.

    Il nuovo strato è stato soprannominato Strato del Dua dal professore Harminder Dua che lo ha scoperto.

    Il Professore Dua, professore di Oftalmologia, ha dichiarato: “Questa è una scoperta importante che significa che i libri di testo di oftalmologia dovranno essere letteralmente riscritti. Dopo aver individuato questo nuovo e distinto strato profondo nel tessuto della cornea, possiamo ora sfruttare la sua presenza per rendere gli interventi chirurgici, molto più sicuri e più semplici per i pazienti.

    La cornea umana è la lente protettivo trasparente sulla parte anteriore dell’occhio attraverso cui entra la luce. Gli scienziati precedentemente hanno creduto che fosse composta da cinque strati: l’epitelio corneale, lo strato di Bowman, lo stroma corneale, la membrana di Descemet e l’endotelio corneale.

    Lo strato che è stato scoperto, si trova nella parte posteriore della cornea tra lo stroma corneale e la membrana di Descemet. Anche se ha solo 15 micron di spessore – l’intera cornea è di circa 550 micron di spessore o 0,5 millimetri – è incredibilmente forte per essere in grado di resistere a due bar di pressione.

    Gli scienziati hanno dimostrato l’esistenza dello strato simulando trapianti e innesti sugli occhi donati, a scopo di ricerca presso le banche di Bristol e Manchester.

    Durante questa chirurgia, piccole bolle d’aria sono state iniettate nella cornea per separare delicatamente i diversi strati. Gli scienziati hanno poi sottoposti gli strati separati alla microscopia elettronica che ha permesso loro di osservarli a molte migliaia di volte la loro dimensione reale.

    Comprendere le proprietà e la posizione dello strato del Dua potrebbe aiutare i chirurghi a identificare meglio dove nella cornea, queste bolle si verificano, per adottare misure adeguate durante l’operazione.

    La scoperta avrà un impatto sul miglioramento della comprensione di un certo numero di malattie della cornea, compresi hydrops acuti, Descematocele e distrofie di pre-Descemet.

    Gli scienziati ora ritengono che idrope corneale, un rigonfiamento della cornea causata da accumulo di liquidi che si verifica in pazienti con cheratocono (deformazione conica della cornea), è causata da uno strappo nello strato del Dua, attraverso cui l’acqua da dentro l’occhio precipita e provoca ristagno.

    Prof.D.Siravo
    siravo@supereva.it
    drsiravoduilio.beepworld.it
    Cell.:3385710585

  • raffica

    raffica

    ho letto delle parole davvero commoventi: "Ci sono donne che consegnano il loro cuore a un uomo… per poi non farselo ridare più. L'amore delle donne certe volte è un dare, e dare, e dare senza preoccuparsi di ricevere. Ma dare senza considerare anche se stesse meritevoli d'amore è un grande sbaglio. Prosciuga se stesse. "

  • Sperelli

    Sperelli

    Cerchiamo collaboratori per il portale okmedicina.it. Chiamare in redazione al
    392 417.24.52

  • Super User

    Super User

    I consigli di Facebook
    Facebook ti fa stare male? Continua...
    E' questo il clamoroso messaggio che Facebook consiglia. Si ammette che semplicemente scorrere la propria bacheca e limitarsi a cliccare su "mi piace" può contribuire a disagio mentale, sia per le dinamiche di comparazione sociale - tra la vita che sappiamo di avere e quello che gli altri scelgono di mostrare - sia per il tempo che togliamo alle interazioni di persona. Come rimediare? Semplicemente usando Facebook più attivamente: aggiornare più spesso lo status, scrivere più commenti, palesare le proprie "reactions" e mandare più messaggi "uno a uno" contribuirebbe a un miglioramento del supporto sociale.

    Insomma Facebook potrà anche riconoscersi in parte responsabile di un certo malessere moderno, ma non sembra contemplare la possibilità che la vera cura è non usarlo.

  • xxx

    xxx

    Salve, il mio dermatologo mi ha riscontrato un herpes al glande. Ha prescritto una cura con compresse e creme 4 volte al giorno per 7 giorni.
    Ho letto che la prima manifestazione in genere è molto dolorosa e, oltre alle vescicole ( 5/6 al massimo), dovrei avere avuto dolori articolari, febbre ecc... io ho solamente queste vesciche ( nemmeno troppo fastidiose se non le tocco ) e inizialmente dolore nella minzione ma nient'altro.
    Le vescicole, inizialmente di colore chiaro con contorni definiti, sono adesso leggermente ingiallite ( sono simili alle afte che spesso vengono in bocca )
    é plausibile che non si tratti di herpes?
    ps: posso anche inviare foto in privato per stabilire una "diagnosi".
    Grazie

Tour del sito