Tumore al seno's Members

  • Alessandra

    Alessandra

    Tutto lo Staff di Okmedicina da il benvenuto a Tiziana, Complimenti e buon lavoro!

  • Debora3

    Debora3

    "Il sasso. La persona distratta vi è inciampata. Quella violenta, l'ha usato come arma. L'imprenditore l'ha usato per costruire. Il contadino stanco invece come sedia. Per i bambini è un giocattolo. Davide uccide Golia e Michelangelo ne fece la più bella scultura.

    In ogni caso, la differenza non l'ha fatta il sasso, ma l'uomo.

    Non esiste sasso nel tuo cammino che tu non possa sfruttare per la tua propria crescita"

  • Dott.ssa Camodeca Maria Carla (Mesoterapia)

    Dott.ssa Camodeca Maria Carla (Mesoterapia)

    MESOTERAPIA
    La dott.ssa Camodeca effettua cicli di mesoterapia con utilizzo di prodotti omeopatici per :

    •tBIOLIFTING DEL VISO E DEL COLLO (€ 40 a seduta - € 350 ciclo di 10 sedute)
    •tRIDUZIONE DELLE RUGHE (€ 40 a seduta - € 350 ciclo di 10 sedute)
    •tCELLULITE (€ 50 a seduta - € 450 ciclo di 10 sedute)
    •tADIPOSITA’ LOCALIZZATE (€ 50 a seduta - € 450 ciclo di 10 sedute)
    •tCADUTA DI CAPELLI (€ 50 a seduta - € 450 ciclo di 10 sedute)
    •tRASSODAMENTO SENO E GLUTEI (€ 50 a seduta - € 450 ciclo di 10 sedute)
    •tOBESITA’ (€ 50 a seduta - € 450 ciclo di 10 sedute)
    •tSMAGLIATURE (€ 50 a seduta - € 450 ciclo di 10 sedute)

    CONSULENZA NUTRIZIONALE
    I VISITA (€ 70) : raccolta dei dati del paziente (dati personali e familiari; abitudini alimentari e stile di vita del paziente); dopo una settimana viene consegnata e spiegata la dieta personalizzata.
    VISITE SUCCESSIVE DI CONTROLLO (2/3) SETTIMANE (€ 40)

  • Eleonora

    Eleonora

    'Il caso di tubercolosi che ha portato al decesso di una Dottoressa dell'Ospedale San Paolo di Napoli dimostra il fatto che la Tubercolosi sia ancora presente nel nostro Paese e che richieda una diagnosi precoce e un'appropriata terapia. È importante che tutti i medici siano informati su quelli che sono i sintomi della TBC, indipendentemente da quelle che siano le loro specialità, che identifichino precocemente i pazienti con i sintomi della malattia e li sottopongano ad adeguate misure di isolamento e di terapia, oltre ad effettuare su se stessi e sui propri contatti le adeguate misure di screening per identificare l'infezione tubercolare latente.
    Susanna Esposito, Presidente WAidid e ordinario di Pediatria all'Università degli Studi di Perugia -

  • erika79

    erika79

    Buona sera è da oggi pomeriggio che ho fitte sopra la testa e formicolii.. Può essere cervicale? Grazie mille in anticipo.. Buona sera.

  • Fabio Pasca

    Fabio Pasca

    Omicidio d'amore

    Troppo spesso le pagine di cronaca nera assumono i colori dell’uxoricidio.

    All’origine, possiamo ritrovare la perdita dell’oggetto amato. Tale rifiuto se vissuto come una sconfitta può far emergere vissuti frustranti di tipo fallimentare tali da innescare meccanismi di riconquista di tipo aggressivo.
    La persona che si percepisce tradita, abbandonata, sfruttata, vilipesa, ed anche semplicemente non più corrisposta in una reciproca implicazione affettiva, può denunciare il suo malessere in modo violento. Così l’amore iniziale si trasforma in un successivo odio punitivo che in casi estremi può evolvere e sfociare nell’atto punitivo stesso e manifestarsi attraverso le percosse, le lesioni personali giungendo financo all’omicidio.
    L’aggressione dell’altro ha il significato di rivolta, affermazione personale e soprattutto quello di effettuare un’opera di restituzione di tutte le frustrazioni, del dolore, della vergogna, dell’ansietà ed dei timori che il sentirsi abbandonato e quindi rifiutato comporta.
    In alcuni casi la violenza agita può avere lo scopo di risolvere e tenere sotto controllo una situazione reale fortemente ansiogena e rimarcare la propria affermazione personale. L’azione violenta rappresenta una conquista di prestigio, un riconoscimento delle proprie capacità, una manifestazione di seduzione e controllo sulla persona rifiutante. La persona può utilizzare la violenza per ricattare,estorcere e controllare i comportamenti dell’altro a proprio favore.
    Si può assistere così ad un crescendo di tensione emotiva, che inevitabilmente determina rabbia e risentimento gravi, o induce il paziente a porre in atto gesti aggressivi o condotte di tipo omicidio-suicidio.
    dr.ssa Anna Carderi

  • fabrini

    fabrini

    Non lasciare che il malcontento si faccia largo nella tua mente ingrossando i
    ruscelli dello scontento che nella loro discesa si portano dietro gli insulti e le maledizioni, ma apriti in un piccolo specchio di acqua ricolmo di impegno e speranza facendoti portatore di idee e creatività.
    Argina, prima che sia troppo tardi, i torrenti ingrossati dalla rabbia che con i loro detriti avvelenati si scontrano tumultuosi spargendo ansie, litigi e terrori e deviali verso pianure assetate di libertà e cambiamento affinchè si creino terreni fertili alla fratellanza ed alla copoperazione.
    E lotta perchè il buono del passato soverchi l'immondo del presente,
    perché quello che si è conquistato non venga ripudiato dai disonesti,
    perché una risata seppelisca la disperazione di questi giorni e
    con lei una classe politica affamatrice, disperata e senza futuro.

    Enrico Fabrini, 1 novembre 2011

  • fedecinzia

    fedecinzia

    salve sono stata operata a febbraio 2014 x duplice carcinoma duttale invasivo ,ho fatto 6 sedute di chemio ,ora sto facendo la radioterapia,, e la terapia ormonale con exemestane x 5 anni + la puntura ogni 28 giorni. queste vampate di calore indotte dalla menopausa mi stanno facendo impazzire.Sto prendendo le compresse FEMAL perchè non contengono ORMONI ,ma non ho trovato nessun miglioramento a parte il costo elevato che hanno. vorrei sapere se cè qualche altro integratore che posso prendere a un prezzo più modico.grazie

  • Maristella

    Maristella

    Trieste, corso-convegno: "Conosciamo la disabilità", dal 17 febbraio al 16 giugno 2018; introduce e modera gli incontri: Dr Generoso Petrillo.
    NB: Iscrizioni entro il 31 gennaio 2018

    Si terrà presso l'Università di Trieste nelle giornate del 17 febbraio, 10 marzo, 14 aprile, 12 maggio e 16 giugno 2018 il corso-convegno "Conosciamo la disabilità" destinato alle famiglie, agli enti del terzo settore ed ai professionisti dell'aiuto.
    Parlare di disabilità, significa anche promuovere percorsi generativi di formazione e informazione all'interno di un panorama culturale, sociale e normativo profondamente modificato ed evoluto.

    age:d_flagship3_messaging;ItT8jYVzTMmCz7M875QaAA">www.triesteabile.it/…==

  • Massimo Douglas Zacco

    Massimo Douglas Zacco

    Tumore alla prostata:
    “face to face” tra eccellenze europee e italiane
    dell’oncologia e dell’urologia
    Un seminario interattivo organizzato da Sanofi Genzyme a Milano lo scorso 12 febbraio, ha fatto il punto su ricerca e trattamento a beneficio di 35 giovani oncologi specializzati nella patologia , una giornata di confronto, scambio e condivisione di conoscenze ed esperienze cliniche.
    Il seminario , tramite un format interattivo e workshop pratici, ha dato anche la possibilità a 35 giovani oncologi specializzati di scambiare conoscenze e opinioni sull'argomento.

  • Riccardo Antinori

    Riccardo Antinori

    L’alitosi, disturbo tanto diffuso quanto complesso da sopportare, va riconosciuto come legato a fattore correlati all’igiene del cavo orale e alla digestione. Ma, curiosamente, potrebbe esserci anche una possibile causa genetica a spiegare i motivi dell’alito cattivo. spezzare una lancia a favore di chi ha un alito insopportabile è uno studio apparso addirittura sulla prestigiosa rivista Nature Genetics, condotto dagli esperti dell’Università Radboud. Gli scienziati hanno preso in esame un gruppo di persone facenti parte di nuclei familiari: la loro caratteristica comune era quella di avere un alito ricco di metantiolo, un gas che contiene zolfo. Normalmente questa sostanza viene infatti espulsa attraverso il metabolismo, ma in alcuni casi questa “pulizia” non avverrebbe portando quindi alla presenza della sostanza nel respiro. Studiando il Dna di questi individui si è visto che esisteva una particolare mutazione genetica in grado di bloccare la proteina che ha il compito di trasformare il metantiolo e quindi eliminarlo.

  • Sperelli

    Sperelli

    Amministratori Gruppo

    Cerchiamo collaboratori per il portale okmedicina.it. Chiamare in redazione al
    392 417.24.52

  • VIKI

    VIKI

    Ill.mi Signori,
    sono una donna di 57 anni, sono stata operata di carcinoma al seno con mastectomia totale della mammella , al momento non ricostruita per complicanze durante l'intervento.
    sono stato sotto posta a chemioterapia per sei cicli.
    sono in terapia ormonale con letrozolo da marzo 2016
    mi vogliono sottoporre alla terapia per l'osteoporosi in quanto dalla moc sono a rischio di fratture, con il acido zoledronico 5mg una somministrazione per infusione all'anno.
    stante gli effetti collaterali quali febbre e dolori ossei ( controllabili con tachipirina)
    mi spaventa :
    l'osteonecrosi della mandibola,
    ipocalcemia -
    insufficienza renale.
    come si combattono questi effetti collaterali?
    la soluzione prospettatami è la sospensione dello letrozolo ( terapia dei 5 anni)
    cosa mi succede se la sospendo?
    Grazie per quanto potrete dirmi

Tour del sito